• it

LUN/VEN 8:30 – 12.30 / 14:30 – 18:30 • IL SABATO 09:00 – 13:00 • +39.0456766617 • INFO@ITALBUS.EU



09 Aprile, 2022

Intervista a Riccardo Verona, presidente AN.BTI

In attesa della sua partecipazione all’edizione 2022 di IBE abbiamo intervistato Riccardo Verona, presidente dell’AN.BTI: l’Associazione Nazionale Bus Turistici Italiani.

Cosa rappresenta IBE per il vostro business e perché per la vostra associazione è importante parteciparvi?
IBE rappresenta l’hub di riferimento per la domanda e l’offerta di mobilità, l’incontro tra travel e bus turistici, ovvero tra trasporto e turismo. Siamo “le ruote del turismo” e, quest’anno, la concomitanza di IBE con TTG, che si svolgerà nelle stesse date, può rappresentare il punto di svolta per le nostre aziende dopo due anni di sofferenza a causa della pandemia e in un contesto dove il caro gasolio, se non affrontato con misure di sostegno per il nostro comparto, rischia di fermare la ripartenza. Questi tre giorni saranno l’occasione giusta per l’incontro tra tutte le filiere connesse al segmento travel & tourism, compresi gli addetti ai lavori (tour operator) e per un confronto sui nuovi parametri con cui stabilire prezzi, contratti e collaborazioni avendo sempre come faro la volontà di sostenere le aziende, i lavoratori e l’intero settore della mobilità. L’evento sarà il luogo di conoscenza e condivisione sul futuro della mobilità a 360°. IBE sarà un tavolo di confronto in cui potremo raccontare il contesto attuale delle nostre aziende, con le nostre esigenze e le nostre battaglie del momento: caro gasolio, carenza di autisti, rinnovo parco mezzi con i veicoli più green accessibili attualmente (euro 6), necessità di agevolazioni e sostegni come avviene per altri settori della mobilità, volontà di rivendicare la nostra identità e il nostro ruolo nel turismo.

Ci può dare una presentazione sintetica dell’associazione e della propria mission?
L’Associazione Nazionale Bus Turistici Italiani (AN.BTI) è nata nel novembre del 2021 dopo l’esperienza come Comitato spontaneo costituito per fronteggiare l’emergenza Covid. Ha soci in tutta Italia e aspira a portare a conoscenza del legislatore le problematiche di un settore con un’identità e un ruolo significativo all’interno del turismo, ma non adeguatamente conosciuto e sostenuto nelle sue specificità, pur contribuendo in maniera importante al PIL turistico del Paese. Attraverso le nostre imprese e i nostri lavoratori trasportiamo milioni di persone, coinvolgiamo più di 6.000 imprese, 25mila posti di lavoro, contribuendo a generare più di 2,5 miliardi annui di fatturato, con 1,7 miliardi di chilometri percorsi ogni anno e circa 450 milioni di litri di carburante consumato.

Ci racconta qualcosa a proposito dell’innovazione, dei trend e delle aspettative del suo settore?
L’innovazione è il “motore” del progresso. Per AN.BTI innovare significa andare incontro a una mobilità sostenibile sempre più green, meno inquinante e più performante. La tecnologia attuale permetterebbe alle nostre aziende di dotarsi di mezzi Euro 6, a impatto praticamente 0 sull’ambiente. Per restare al passo con i tempi e offrire il miglior servizio possibile dobbiamo sfruttare tutto il potenziale che l’innovazione e la tecnologia mettono a disposizione del nostro settore. Innovare significa qualità, riduzione dei consumi e quindi dell’inquinamento, sostenibilità, comodità, comfort e sicurezza! Viaggiare è un’emozione, i nostri passeggeri devono percepirlo appena salgono a bordo attraverso i migliori servizi possibili!

Se dovesse descrivere IBE in tre parole, quali sceglierebbe?
Incontri, business, eccellenze. Incontri: sinergia tra travel e turismo, con l’obiettivo di crescere insieme. Poi business: opportunità di confronto con il settore della mobilità nel suo complesso. Infine eccellenze: i migliori protagonisti, imprese e aziende costruttrici, insieme nello stesso evento.

News